5.10.11

l'ali e la caru e la gita di domenica :)

Domenica io e la caru (e un bel gruppetto di amici) andremo alla 54 esposizione internazionale d'arte alla Biennale di Venezia che porta il titolo di "ILLUMInazioni" diretta da Bice Cruiger.
L'esposizione è distribuita tra il Padiglione Centrale ai Giardini e l'Arsenale, formando un unico percorso espositivo con 83 artisti da tutto il mondo.
La mostra è anche affiancata da numerosi eventi collaterali, nel centro storico di Venezia.

Io non vorrei perdermi la mostra di Julian Schnabel.
Julian Schnabel è un pittore si ma soprattutto un regista, ha diretto: Lo scafandro e la farfalla (2007), Basquiat (1996) Prima che sia notte (2000) Miral (2010) In the hand of Dante (2012).

La mostra al museo Correr intotolata: "Julian Schnabel. Permanently Becoming and the Architecture of seeing" presenta più di quaranta opere che ripercorrono la carriera artistica dagli anni '70 ad oggi.
La retrospettiva illustra la sua poetica fortemente ispirata ad artisti come Jackson Pollock e Cy Twombly, basata anche sulla tradizione europea, ricordando lo stile di vecchi maestri come Tintoretto e El Greco, e l'arte di grandi maestri da Giotto a Goya,  da Gaudì a Picasso.

Il tema del mare è ricorrente, non solo nei dipinti ma anche nei film. L'artista dipinge su supporti molto grandi in grado di inglobare lo spettatore.
Non mancano i plate paintings degli anni '80, importante innovazione nel panorama artistico; e l'aspetto autobiografico uno dei più importanti dell'artista, in grado di evocare perfettamente le personalità dei soggetti e le loro peculiarità.
Altra particolare tecnica consiste nell'ingrandire fotografie poetiche e evocative sulle quali interviene con tocchi di colore e macchie generate dalle condizioni atmosferiche.










post by l'ali