2.12.11

un pomeriggio come un altro, di dicembre




oggi pomeriggio chiusa nella mia stanzina colorata perdo tempo cercando di dare un ordine di priorità alle mille cose (che inaspettatamente e ci tengo a dirlo) mi sono capitate, perdo tempo, ma mi lascio anche prendere da un senso di tranquillità e leggera soddisfazione sapendo che le sciocchezze che spesso dico, hanno ispirato a un titolo di una canzone ispirata alle orge e mi sento quasi onorata. 
la sensazione è quasi paragonata a qualcuno che ti offre una pizza a tarda notte anche se non ti va o a un ciao di cortesia di congedo in una conversazione su facebook, o a qualcuno che ti invita a cena una sera che avresti solo voluto stare in solitudine sotto alle coperte, e scoprire che una volta finita la cena quasi ti dispiace tornare a casa…o non so cos'altro.......accidenti la mancanza di sentimenti in me, sarà la mancanza del contatto con il mondo (l'ultimo risale a mercoledì sera), sarà la grossa quantità di alcool che il mio corpo ha ingerito nell'ultima settimana, ai capelli sporchi, o chissà cos'altro….fatto sta che una cosa l'ho capita: il primo posto della lista delle mie priorità c'è......rullo di tamburi..... mettere lo smalto. 
e rimane solo che scegliere il colore! ardua impresa!






una signorina sciocchina…..oui....l'ali c'est moi!